Il successo del progetto FOR VINNYTSIA’S CHILDREN: un aiuto concreto a più di 500 bambini e bambine ucraini.

Grazie al prezioso supporto della Regione Emilia Romagna, siamo felici di annunciarvi che il progetto FOR VINNYTSIA’S CHILDREN in Ucraina è completato raggiungendo ben 581 bambini e bambine. Queste le attività realizzate:

SUPPORTO PSICOLOGICO

“Durante la guerra, i bambini perdono il loro fondamentale senso di sicurezza, che a sua volta influisce in modo significativo sul loro umore, stato emotivo, capacità di apprendere e interagire con gli altri” sono le parole della dott.ssa Tetiana Melnychuk, psicologa che ha svolto una serie di laboratori nei diversi istituti protagonisti del progetto.

Le diverse attività di supporto psicologico attivate hanno avuto un impatto significativo nel contrastare i traumi della guerra e nel fornire sostegno psicosociale ai bambini e alle bambine. Il risultato degli incontri e dei laboratori tenuti con la psicologa hanno comportato una maggiore resilienza allo stress post traumatico. È sempre la dott.ssa Tetiana Melnychuk ad affermare che “Il risultato più importante di questa attività è stato che i bambini hanno acquisito capacità di socializzazione e autoregolamentazione nelle difficili condizioni di guerra.”


 

SISTEMAZIONE E CREAZIONE RIFUGI

Sono stati sistemati spazi in disuso ed è stato fornito materiale di diverso tipo come letti, cuscini e materassi ma anche allarmi, depuratori d’acqua e altro materiale utile da utilizzare anche in caso di emergenze. Oggi sono pronti ed attrezzati i rifugi all’interno dei diversi istituti che permettono ai bambini di poter continuare le proprie attività formative con più sicurezza o di potersi rifugiare di notte e dormire in caso di necessità.


 

ACQUISTO MEDICINE, BENI PER L’IGIENE E LA PULIZIA E ATTREZZATURE PER LA RIABILITAZIONE

Tra i materiali acquistati tapis roulant, giochi e strutture per la riabilitazione, una grotta sensoriale e diversi tappeti morbidi dove poter giocare. Questi sono stati inseriti nei diversi istituti per permettere cure e assistenza medica e riabilitativa ai bambini e bambine. Fondamentale poi è stata la fornitura di beni dedicati all’igiene personale e alla pulizia dei quattro istituti, al fine di permettere la crescita in un luogo sano e sicuro.

RICERCA OPERATORE ADOZIONI INTERNAZIONALI – SEDE DI VICENZA

SOS Bambino International Adoption APS  sta selezionando un/una operatore da inserire nella sede nazionale di Vicenza

 

L’Associazione SOS Bambino, APS  opera da 29 anni  in Italia e in 12  paesi del mondo per garantire ad ogni minore il diritto ad una famiglia, ricerca un/una laureato da inserire col ruolo di operatore delle adozioni internazionali  all’interno dell’Ufficio della sede nazionale Vicenza. Si occuperà di accompagnare e supportare le famiglie nel percorso di adozione internazionale.

Stipendio:secondo contratto nazionale – livello in base a esperienza e capacità

 

Requisiti richiesti

 

  • Titolo di studio: Laurea quinquennale in Servizio Sociale, psicologia, o altra laurea equipollente.
  • Esperienza pregressa nel settore delle adozioni o equipollente di almeno 2 anni
  • Buon utilizzo del pacchetto Office (Word, Access, Excel)
  • Buona o ottima conoscenza delle lingue, in particolare inglese, francese e spagnolo.

 

Competenze

 

  • Conoscenza del mondo dell’adozione internazionale
  • Capacità di lavorare anche sotto pressione con rispetto delle scadenze
  • Capacità di gestire e organizzare il proprio lavoro;
  • Capacità di relazionarsi in modo positivo con diversi interlocutori pubblici e privati;
  • Disponibilità a trasferte
  • Elevata autonomia, spirito di iniziativa, capacità di visione strategica, gestione dei tempi

e delle risorse;

 

 

Inviare la propria candidatura a: info@sosbambino.org  specificando nell’oggetto “CANDIDATURA OPERATORE ADOZIONI ”

 

Si prega di allegare alla candidatura:

 

  • CV aggiornato
  • Breve lettera di presentazione/motivazione

 

Le nostre ricerche di personale sono aperte a tutte le candidature, senza alcuna discriminazione di: nazionalità, religione, genere, età e appartenenza politica. La selezione rispetta il principio delle pari opportunità (L. 903/77).

Verranno esaminati i CV contenenti l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento UE GDPR 2016/679.

SOS BAMBINO IA  si riserva la possibilità di chiudere anticipatamente la presente vacancy qualora venga individuato il candidato/i idoneo/i a ricoprire la posizione cercata prima della scadenza fissata per il presente annuncio.

USCITA BANDO SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE 2024-2025

SOS Bambino ha a disposizione presso la sede di Vicenza (Via Monteverdi, 2/A) nr. 2 posti per il Servizio Civile Universale… è uscito il bando!
Quella del Servizio civile è un’opportunità unica, da non perdere, che molti giovani valutano come “un’esperienza determinante nel loro futuro umano e professionale”. Avere la possibilità di vivere relazioni con professionisti che ogni giorno lavorano su tematiche di nostro interesse, sviluppare conoscenze sul campo.
Il bando scade giovedì 15 febbraio alle ore 14:00. Possono partecipare al bando tutti i giovani cittadini e cittadine italiani, comunitari o regolarmente soggiornanti che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto i 18 e non superino i 29 anni di età. La durata del servizio è di 12 mesi, per un impegno di circa 25 ore e viene riconosciuto un rimborso mensile pari a € 507,30. Puoi leggere il testo completo del bando su www.serviziocivile.gov.it.

RIMBORSO SPESE ADOTTIVE CONCLUSE ANNO 2022

Pubblicati i termini per il rimborso delle spese adottive per le adozioni dell’anno 2022!
La presente comunicazione non è esaustiva ed ha solo scopo informativo; si rimanda pertanto al sito della Commissione dove potete trovare il Decreto e relativi Allegati di cui vi chiediamo di prendere visione integralmente al seguente link: https://www.commissioneadozioni.it/notizie/rimborso_spese_adottive_adozioni_concluse_anno_2022/

PEDIATRI SENZA FRONTIERE 2022 – HAITI

SOGGETTO PROMOTORE:
S.O.S. Bambino I.A. A.P.S.

 

ENTE FINANZIATORE:
Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 

DURATA:
Agosto 2023 – Agosto 2024

 

AREA DI INTERVENTO:
Haiti

 

CONTESTO:

Il progetto si realizza ad Haiti dove S.O.S. Bambino è presente da più di una decina di anni ed intende intervenire ad Haiti presso diversi istituti di accoglienza per minori della capitale e nei villaggi di Petites Desdunes e Bocozelle, nel dipartimento di Artibonite, una delle aree più povere di Haiti e a Bellanger. Ad Haiti la mortalità infantile ha una consistenza di 74 bambini ogni 1000 nati vivi ed il 33% dei bambini muore prima di aver raggiunto i 5 anni di età e le cause principali sono la malnutrizione e le malattie in altre parti del mondo curabili. Purtroppo la cura dei bambini è affidata a medici con una preparazione pediatrica non adeguata e un problema molto sottovalutato è quello delle patologie oculari. Un altro importante problema riguarda l’approvvigionamento idrico, accresciuto inoltre dai recenti eventi sismici: si stima, infatti, che il 70% della popolazione haitiana non abbia accesso all’acqua potabile ed il problema è particolarmente grave nelle campagne.

 

PROGETTO

Il progetto si fonda sui successi riportati nella realizzazione di “Pediatri senza Frontiere” del 2017 e del 2021 (attualmente in corso) e, in base ai risultati ottenuti in queste prime fasi, si ritiene opportuno e necessario dare seguito alle azioni progettuali ed implementare gli interventi ad Haiti anche a seguito del devastante terremoto avvenuto nell’agosto dell’anno scorso.

Le azioni principali di Pediatri senza Frontiere 2022 sono dunque:

  • SCREENING SANITARIO E OFTALMOLOGICO per un numero di almeno 3000 persone (soprattutto donne e bambini) dei tre villaggi interessati (Desdunes, Bocozelle e Bellanger). Inoltre si svolgeranno screening sanitari per 100 bambini ospiti delle creches e saranno presi in carico almeno 260 bambini dei villaggi per la specifica parte oftalmologica. In tutti e tre i villaggi sarà creato un punto di assistenza e monitoraggio oculistico attrezzato ove sarà presente una figura sanitaria formata sui temi oftalmologici. In base ai risultati dell’attività diagnostica, saranno immediatamente realizzati eventuali interventi sanitari e somministrate terapie sia agli adulti che ai bambini. Una piccola parte dei fondi del progetto sarà utilizzata per fornire alle crèches ed ai Centri Sanitari medicinali ed integratori vitaminici per affrontare le situazioni più urgenti e saranno forniti inoltre occhiali sia da vista che da sole per adulti e bambini. Si prevede inoltre di poter fornire anche kit alimentari e integrazioni al vitto per almeno 300 famiglie.
  • PREPARAZIONE E DISTRIBUZIONE DI MATERIALE DI SENSIBILIZZAZIONE per la prevenzione delle infezioni dell’apparato oculare e delle infezioni da colera. Saranno elaborati dei volantini di facile comprensione e con l’utilizzo di immagini ed infografiche da distribuire al personale non sanitario delle crèches ed alle mamme o accompagnatrici dei bambini allo screening sanitario nei Centri Sanitari di Desdunes, Bocozelle e Bellanger.
  • REALIZZAZIONE IMPIANTI FORNITURA ACQUA POTABILE nei villaggi di Desdunes e Bellanger dove si intende incaricare dei professionisti perché redigano uno studio di fattibilità per la fornitura di acqua potabile (creazione di un punto di distribuzione: pozzo / installazione punto di trattamento dell’acqua). Non esiste infatti un acquedotto, né pubblico, né privato e non esiste neppure un sistema di stoccaggio dell’acqua piovana. Le persone si riforniscono di acqua nel fiume e ciò provoca l’insorgenza di infezioni quali malattie diarroiche (gastroenterite, parassitosi intestinali), infezioni dei vari organi e apparati e tra questi il sistema oculare. E’ noto che ogni anno ad Haiti scoppia una epidemia di colera ed è sempre dalla valle dell’Artibonite che inizia ed in particolare da questi villaggi che parte l’epidemia diffondendosi a tutto il paese. Non esiste un sistema di canalizzazione e smaltimento delle acque reflue e delle deiezioni umane e animali né un sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani: tutto viene sparso

 

BENEFICIARI DIRETTI

I beneficiari diretti del progetto sono:

  • 3000 persone di Bocozelle, Petites Desdune e Bellanger con interventi diagnostici e cure
  • 260 bambini dei villaggi presi in carico per la parte oftalmologica
  • 100 bambini ospiti di due creches
  • 300 famiglie a cui si forniranno kit alimentari
  • 000 abitanti dei villaggi che potranno accedere all’acqua potabile

I beneficiari indiretti del progetto sono:

  • Tutta la zona interessata per il miglioramento delle condizioni sanitarie e di igiene

 

COSTO

Il costo complessivo del progetto è di 39.410,00€ (di cui € finanziati da SOS Bambino I.A. circa 9000€).

SOS SCUOLA, SUPPORTO SCOLASTICO A BAMBINI ADOTTATI – ITALIA

SOGGETTO PROMOTORE:
S.O.S. Bambino I.A. A.P.S.

 

ENTE FINANZIATORE:
UNICREDIT   

 

DURATA:
Giugno 2023 – Giugno 2024

 

AREA DI INTERVENTO:
Italia

 

CONTESTO:

La diversa fascia d’età dei bambini adottati e soprattutto le diversità dei differenti sistemi educativi (sia per approccio educativo che per organizzazione del sistema) rendono poco omogeneo il fenomeno dell’adozione internazionale e rendono necessario per insegnanti e operatori una conoscenza di strumenti idonei a migliorare l’integrazione scolastica.

Il disagio scolastico di minori a scuola si manifesta non solo nei casi eclatanti di svantaggio nell’apprendimento, ma soprattutto attraverso la presenza di fasce sommerse, ma numericamente consistenti, di alunni a “rischio” (con assenze ripetute; ritardi continui e non motivati; apatia e disinteresse; atteggiamenti di rifiuto; non rispetto delle regole e degli impegni, ecc.), che manifestano bisogni sia a livello cognitivo sia relazionale.

Le difficoltà di apprendimento non sostenute con tempestività spesso si strutturano e si aggravano tanto da determinare nei soggetti a rischio emarginazione prima scolastica e poi sociale.

 

PROGETTO

Il progetto concorre al raggiungimento di principalmente tre risultati:

  1. Miglioramento dell’approccio al mondo scolastico da parte di genitori e ragazzi:  Si prevedono 3 workshop indirizzati rispettivamente ai genitori, ai ragazzi preadolescenti e ai bambini. La finalità di ciascuno è quella di far emergere le problematiche e, soprattutto, di porre l’accento sulle opportunità e capacità che ognuno ha.                                                                                                                         
  2. Miglioramento dell’apprendimento scolastico di minori con difficoltà scolastiche: Le principali forme di insuccesso sembrano essere prevalentemente legate al tipo di conoscenze apprese e alla difficoltà di trasferirle e di applicarle in modo concreto, alla mancanza di strategie di sviluppo delle conoscenze stesse, al possesso di motivazioni inadeguate e all’incapacità di progettarsi coerentemente e razionalmente. Molto spesso i bisogni speciali di questi ragazzi coinvolgono l’apprendimento e l’ambito scolastico. SOS opera già da diversi anni in relazione a questa esigenza e quanto risulta da questa esperienza è proprio il bisogno di sostenere le tappe di sviluppo dei ragazzi in età evolutiva, di implementare le competenze genitoriali e di rafforzare o creare reti sociali e di sostegno. Centrale in tale percorso è proprio lo stimolo dello sviluppo di competenze psico-sociali che permettano ai figli di immaginare una propria progettualità di vita e una propria dimensione sociale e relazionale.                                                                                                                                                                                                               
  3. Miglioramento del benessere psicologico dei minori: Terzo punto importante concerne la possibilità di offrire a bambini e ragazzi fragili un supporto psicologico personalizzato in cui siano coinvolte anche le famiglie. Per questo motivo il progetto intende che gli incontri abbiano lo scopo di coinvolgere i genitori e di far emergere le maggiori criticità dei minori nei confronti della scuola, dell’apprendimento e del loro inserimento nel tessuto sociale.

 

BENEFICIARI DIRETTI

I beneficiari diretti sono i bambini adottati risiedenti sul territorio di competenza e le loro famiglie. In particolare, 26 bambini riceveranno supporto psicologico, circa 25 bambini riceveranno supporto scolastico personalizzato e supporto psicologico, circa 60 tra adulti e bambini partecipanti ai workshop. I beneficiari indiretti saranno gli insegnanti delle scuole frequentate dai bambini beneficiari del progetto che vedranno migliorare la loro condizione scolastica.  

 

COSTO
Il costo complessivo del progetto è di 18800,00€ € (di cui € finanziati da SOS Bambino I.A. circa 3800,00).

 

Incontro inaugurazione del progetto – UNICREDIT BANCA

Giovedì 12 ottobre  si è tenuto a Vicenza presso la sede di SOS Bambino International Adoption APS di Via Monteverdi 2/A l’incontro di apertura ufficiale del progetto “SOS Scuola, supporto scolastico a bambini adottati ” reso possibile grazie al contributo di BANCA  UNICREDIT. 
Qui sotto uno scatto dell’incontro alla presenza dello staff di SOS Bambino con il presidente Ciro Favatà e  la vicepresidente Egles Bozzo, con la responsabile Area Retail Angela Benedetti e con il direttore Luigi Meggiarin di Unicredit.
Il progetto, già avviato,  permetterà di sostenere i bambini e ragazzi nel mondo della scuola perseguendo il successo ed il loro benessere.